News

“La parola ai bambini”: il nostro Bilancio di Missione

Passerotti che volano alla scoperta del mondo, tra prati in fiore e inquinamento, attraversando cieli liberi ma anche i pericoli della vita, in un mondo non sempre a misura di bambino, tra pandemia, guerra e cambiamenti climatici. Mani che si stringono, occhi che piangono, treni che partono lasciando indietro famiglie separate e città in fiamme. Cuori che uniscono oltre ogni confine, arcobaleni colorati e tristi, messaggi di amicizia ma anche bombe, carri armati, corpi sulle strade. Non sono immagini che scorrono al telegiornale, ma i disegni dei bambini che hanno partecipato ai contest “Se io fossi Cipì” e #ConiBambiniUcraini, con cui abbiamo dato voce a paure, sogni e speranze di bambini e ragazzi che stanno crescendo in questi anni difficili.

Alcuni dei lavori più significativi tra quelli ricevuti sono entrati a far parte del nostro quinto Bilancio di Missione, che abbiamo voluto intitolare simbolicamente “La parola ai bambini” ispirandoci ai giornalini scolastici di Mario Lodi, un maestro che ai bambini ha dedicato tutta la sua vita, proprio nell’anno del suo centenario. Ai contest hanno partecipato soprattutto bambini e ragazzi coinvolti nei progetti selezionati da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Ad oggi, oltre 400 progetti sono stati sostenuti con 15 bandi e un contribuito di oltre 338,6 milioni di euro. I progetti hanno coinvolto oltre mezzo milione di bambini e ragazzi, insieme alle loro famiglie, e messo in rete oltre 7.200 organizzazioni tra Terzo settore, scuole, enti pubblici e privati. Un impegno comune che dal 2016 portiamo avanti in tutta Italia grazie al Fondo istituito dalle fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, insieme a Governo e Forum del Terzo Settore.

Il contrasto alla povertà educativa è diventato sempre più importante negli ultimi due anni, quando le difficoltà di bambini e famiglie sono aumentate a causa della pandemia e della guerra. Secondo le stime Istat, dopo la pandemia un minore su 7 si trova in povertà assoluta: parliamo di 1,4 milioni di bambini e ragazzi, sugli oltre 9,3 milioni residenti in Italia. Un dato enorme, che si aggrava ulteriormente se consideriamo anche la povertà relativa: oggi un terzo dei bambini e ragazzi vive in povertà. In un contesto così delicato, la scuola, importante presidio della Repubblica, non può essere lasciata da sola: la responsabilità dell’educazione di bambini e ragazzi deve essere di tutta la comunità. Ne siamo stati sempre convinti, e anche gli italiani lo sono sempre di più, come dimostrano i dati dell’indagine Con i Bambini-Demopolis: una consapevolezza che cresce dal 46% (novembre 2019) al 78% (novembre 2021).

Anche se il Bilancio si riferisce al 2021, in questa sintesi abbiamo voluto fare riferimento all’anno in corso, dato il momento particolarmente difficile che stiamo vivendo. I bambini guardano la tv, si informano, ascoltano, hanno paure e sogni che meritano ascolto e comprensione. I bambini ci parlano, le loro parole dovrebbero avere sempre un ruolo di primo piano in una società che sviluppa pienamente il potenziale delle nuove generazioni.

Tutti i racconti, video e podcast ricevuti in risposta al contest “Se io fossi Cipì” sono disponibili sul blog https://seiofossicipi.percorsiconibambini.it/. I disegni dell’iniziativa #ConiBambiniUcraini sono stati fatti scorrere il 17 marzo per 24 ore sui siti di Con i Bambini e Fondazione CON IL SUD, oscurati per l’occasione. I disegni “disarmanti” sono stati proiettati anche sulla facciata del Palazzo delle Esposizioni a Roma l’8 aprile.

Il Bilancio di Missione è scaricabile e completamente navigabile sul sito www.bilanciodimissione.it

Oggi per la presentazione online dei risultati dell’indagine “Quanto futuro perdiamo? La scuola e la comunità educante nel Paese”, abbiamo incontrato presso la nostra sede il Viceministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Maria Teresa Bellucci

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

L’esigenza di scuole inclusive per gli alunni con disabilità

Nel corso degli ultimi decenni la crescita del numero di alunni con disabilità nella scuola italiana è stata pressoché costante. Circa venti anni fa, nell’anno scolastico 2004/05, costituivano meno del 2% degli studenti. Un dato progressivamente cresciuto, anche grazie a una maggiore attenzione al tema e alla migliore capacità di diagnosi. Alla fine degli anni 2000 il 2,16% degli…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK