News

In Italia, scuole vicine a fonti di inquinamento soprattutto al Centro-Nord

La vicinanza delle scuole a fonti di inquinamento espone i bambini a rischi per la propria salute. Una questione che riguarda maggiormente le grandi città e i territori più urbanizzati, in particolare nel centro-nord. È quanto emerge dal report settimanale dell’Osservatorio povertà educativa #Conibambini, a cura di Openpolis e Con i Bambini. Di seguito un estratto del rapporto.

Secondo l’organizzazione mondiale della sanitài bambini sono più sensibili alle conseguenze negative dell’inquinamento sulla salute. Un fattore in grado di influenzare negativamente lo sviluppo fisico e mentale dei minori, in termini di capacità sia motorie che cognitive.

Dalla qualità dell’aria alla presenza di fonti inquinanti, è quindi importante tutelare gli ambienti dove i minori vivono e crescono. Non solo a casa, ma anche negli edifici scolastici, nelle palestre e nelle aree di gioco. Nelle scuole, in particolare, i minori trascorrono la maggior parte del tempo fuori casa.

Quante scuole sono vicine a fonti inquinanti

Dei 40.151 edifici scolastici in Italia, sono 1.101 quelli vicini a fonti di inquinamento atmosferico, pari al 2,7% del totale. Un dato che varia molto da Nord a Sud del Paese.

Nelle regioni del centro-nord, più scuole vicine a fonti di inquinamento
Percentuale di edifici scolastici vicini a fonti di inquinamento, per regione (2017)

Lazio, Emilia-Romagna e Lombardia sono le regioni con la più alta percentuale di edifici scolastici vicini a fonti di inquinamento atmosferico.

Sono 7 le regioni italiane che superano la media nazionale del 2,7%, con oltre il 3% delle scuole vicine a fonti di inquinamento. Quasi tutte al centro-nord, ad eccezione della Puglia che ha la percentuale più alta nel mezzogiorno (3,3%). Le altre regioni del sud presentano dati inferiori, in particolare Calabria e Molise, quest'ultima a quota 0.

Anche dai dati provinciali emerge complessivamente una maggiore incidenza del fenomeno nel centro-nord, fatta eccezione per i territori pugliesi. In particolare, le province di Foggia (8,4%) e Taranto (5,3%).

Nelle province di La Spezia, Modena e Milano oltre il 10% delle scuole è vicino a fonti inquinanti
Percentuale di edifici scolastici vicini a fonti di inquinamento, per provincia (2017)

Nel Lazio, la regione con la più alta incidenza del fenomeno (4,9%), il dato risulta quasi interamente attribuibile alla città metropolitana di Roma.

Un'altra distinzione da considerare riguardo il livello di inquinamento è quella tra aree più o meno urbanizzate.

Nelle città e nei comuni più urbanizzati, oltre il 6% delle scuole è vicino a fonti inquinanti
Percentuale di edifici scolastici vicini a fonti di inquinamento, nei comuni divisi per grado di urbanizzazione (2017)

L'incidenza del fenomeno nei comuni altamente urbanizzati è ampiamente superiore a quella delle altre aree e diminuisce progressivamente, al calare del grado di urbanizzazione.

Su conibambini.openpolis.it è possibile approfondire l’argomento, con grafici e mappe su tutte le regioni italiane e un approfondimento sulla città metropolitana di Milano, tra le aree più urbanizzate e popolose del Paese.

L’Osservatorio #Conibambini, realizzato da Con i Bambini e Openpolis nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, fornisce dati e contenuti sul fenomeno in Italia nella modalità di data journalism, in formato aperto e sistematizzati, per stimolare un'informazione basata sui dati. L’obiettivo è promuovere un dibattito informato sulla condizione dei minori in Italia, a partire dalle opportunità educative, culturali e sociali offerte, ed aiutare il decisore attraverso l'elaborazione di analisi e approfondimenti originali.

L’elenco dei report in formato pdf è disponibile su Osservatorio povertà educativa #Conibambini.

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

Spesa pubblica in istruzione: Italia ancora ultima in UE

L’istruzione è uno degli asset strategici per affrontare le sfide che ci attendono nel prossimo futuro. Nonostante gli sforzi fatti negli ultimi anni, però, gli investimenti pubblici italiani, stando ai dati del 2018, non sono ancora tornati ai livelli precedenti la crisi del 2008. È quanto emerge dal report dell’Osservatorio povertà educativa #Conibambini, a cura…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK