News

Istat: L’incidenza di povertà assoluta è più elevata fra i minori

Nel 2015 in Italia si stimano circa 1 milione e 582 mila famiglie in condizione di povertà assoluta; l’incidenza a livello familiare è rimasta sostanzialmente stabile attorno al 6 per cento nel biennio 2014-2015. Lo stima l’Annuario statistico dell’Istat. L’intensità di povertà calcolata per le famiglie mostra una situazione peggiore nel Mezzogiorno con valori pari al 19,9 per cento. Si contano complessivamente 4 milioni e 598 mila individui poveri, il 7,6 per cento dell’intera popolazione. Di questi, oltre due milioni risiedono nel Mezzogiorno (10,0 per cento della popolazione della ripartizione) e due milioni e 277 mila sono donne (7,3 per cento delle donne in Italia). L’incidenza di povertà assoluta è più elevata fra i minori (10,9 per cento), pari a oltre un milione e centomila ragazzi; si attesta al 9,9 per cento fra le persone di età compresa fra i 18 e i 34 anni e raggiunge il suo minimo fra gli ultra sessantaquattrenni (4,1 per cento). (LaPresse/Finanza.com)

Si terrà giovedì 14 ottobre in diretta streaming la presentazione del report “Le mappe della povertà educativa in Toscana”, a cura dell’Osservatorio #conibambini, promosso da Con i Bambini e Openpolis.

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

Le mappe della povertà educativa in Toscana

Sono 547.732 i minori residenti in Toscana nel 2020. Bambini e ragazzi per cui scuole e servizi educativi rappresentano non solo il principale punto di riferimento per acquisire competenze, ma anche un’importantissima occasione di socialità e di inclusione. Un’enorme opportunità di arricchimento personale quindi, ma anche un modo per emanciparsi dalla propria condizione di partenza, specie se…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito

I ruoli di Ri-Belli

Primi incontri del Laboratorio Teatrale di Ri-Belli. Fabio Guastella, associazione Abaco - Il Teatro Conta, ci racconta i primi passi dopo la...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK