Palestre scolastiche: presenti in meno della metà delle scuole italiane

31 Marzo 2020

La presenza di palestre nelle scuole è importante per garantire ai minori, a prescindere dal contesto socio economico di origine, l’accesso alla pratica sportiva. Tuttavia, la presenza di palestre scolastiche diminuisce proprio nelle regioni in cui in minori praticano meno sport. È quanto emerge dal report settimanale dell’Osservatorio povertà educativa #Conibambini, a cura di Openpolis e Con i Bambini. Di seguito un estratto del rapporto.

Praticare sport è fondamentale per lo sviluppo fisico e mentale di bambini e ragazzi. Non solo, l’attività sportiva offre occasioni di confronto, di socialità, di acquisizione di valori importanti. Dal rispetto verso i compagni e gli avversari, all’apprendimento attraverso le regole del gioco.

Tutti i minori dovrebbero quindi avere la possibilità di praticare sport, a prescindere dal contesto sociale o economico di origine. Tuttavia, spesso sono proprio i motivi economici, uniti alla mancanza di impianti sul territorio, a costituire un ostacolo alla pratica sportiva per molti bambini e ragazzi. In particolare nelle regioni del sud Italia.

In Calabria, Sicilia e Campania meno del 40% dei minori fa sport con continuità
Percentuale 3-17 anni che praticano sport con continuità (2015)

Rispetto alla media nazionale del 50,5%, solo Calabria, Sicilia e Campania registrano quote inferiori. Al contrario, le regioni dove più minori praticano sport sono Lazio, Umbria e Toscana, con oltre il 60% dei residenti 3-17 anni che fa sport con continuità.

Il ruolo delle palestre scolastiche

L'educazione fisica svolta a scuola è uno strumento fondamentale per permettere a bambini e ragazzi di praticare sport. A maggior ragione nei contesti dove la pratica sportiva nel tempo libero è meno diffusa.

Per agevolare lo svolgimento dell'attività fisica per gli alunni, è importante che gli edifici scolastici abbiano una palestra al loro interno. Tuttavia nel nostro Paese, le scuole dotate di impianti sportivi sono meno della metà. Solo il 41% degli edifici scolastici in Italia è dotato di palestra o piscina.

Un dato che cala proprio nelle regioni dove i minori praticano meno sport e aumenta, invece, nei territori dove la pratica sportiva è più diffusa.

Palestre in più della metà delle scuole in Friuli VG e Piemonte
Percentuale di edifici scolastici che hanno una palestra o una piscina per regione (2017)


In Calabria e Campania, meno del 30% delle scuole è dotato di palestra o piscina. Una carenza grave, se messa in relazione con i risultati della mappa precedente, secondo i quali in entrambe le regioni meno del 40% dei minori fa sport con continuità.

Su conibambini.openpolis.it è possibile approfondire l’argomento, con grafici su tutte le regioni italiane e un approfondimento con mappe su Campania e Calabria.

L’Osservatorio #Conibambini, realizzato da Con i Bambini e Openpolis nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, fornisce dati e contenuti sul fenomeno in Italia nella modalità di data journalism, in formato aperto e sistematizzati, per stimolare un'informazione basata sui dati. L’obiettivo è promuovere un dibattito informato sulla condizione dei minori in Italia, a partire dalle opportunità educative, culturali e sociali offerte, ed aiutare il decisore attraverso l'elaborazione di analisi e approfondimenti originali.

L’elenco dei report in formato pdf è disponibile su Osservatorio povertà educativa #Conibambini.

Altre notizie che potrebbero interessarti

“La povertà educativa riguarda tutta la comunità”

Il Presidente Carlo Borgomeo ospite di “Spazio Libero”, rubrica di Rai Parlamento andata in onda su Rai Tre.

Leggi tutto

Percorsi Achab 23 novembre Roma

Il 23 novembre, a Roma presso la sala Zuccari di Palazzo Giustiniani, si terrà la conferenza finale che consegnerà i […]

Leggi tutto
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK