News

#IoComeDante: il racconto degli adolescenti nella “selva oscura”

Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai per una selva oscura,
ché la diritta via era smarrita.

Il 2021 è l’anno di Dante Alighieri e in vista del 25 marzo, il Dantedì, la giornata dedicata al sommo poeta in cui ricorrono i 700 anni dalla sua morte, invitiamo gli adolescenti di tutta Italia a raccontarci la loro “Selva oscura”, intesa come simbolo di smarrimento e momento di confusione che prima o poi tutti incontriamo nella vita.

A molti ragazzi capita di sentirsi bloccati dalle difficoltà e di non sapere come uscirne, soprattutto nell’ultimo anno di isolamento e rinunce a causa del covid: chiusi nella propria stanza, privati del rapporto con i coetanei, della scuola in presenza, dello sport, dei primi amori, gli adolescenti hanno sofferto forse più degli altri gli effetti della pandemia.

L’obiettivo del contest è quello di dare voce ai ragazzi, ascoltarli e condividere le loro aspettative, attraverso il racconto di dubbi, fragilità, problemi, desideri. Conoscere, ad esempio, come cercano di superare le difficoltà, se da soli o con l’aiuto degli adulti o di altri ragazzi.

Cos’è per te la selva oscuraHai mai sentito, come Dante, di aver smarrito “la diritta via”Se sì, come sei riuscito a ritrovarlaC’è stato un Virgilio a guidarti o hai preferito cavartela da solo? Queste domande potrebbero essere lo spunto iniziale per stimolare il racconto degli adolescenti, che dovrà svolgersi tramite un testo scritto, un video o un podcast.

Il contest può essere un punto di partenza per diventare più consapevoli delle fragilità degli adolescenti di oggi e stimolare la “comunità educante” a intervenire, offrendo più ascolto e opportunità ai ragazzi che chiedono di diventare protagonisti della società in cui vivono.

Tutti i racconti, podcast e video ricevuti saranno pubblicati man mano sul blog “Io come Dante” >>

Come partecipare

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

Poche aree sportive all’aperto nelle città del Sud

Le aree sportive all’aperto costituiscono un’opportunità importante per i minori che vivono in città. Soprattutto in questa fase di emergenza sanitaria, dove è del tutto vietato fare sport in luoghi chiusi. Un servizio carente in diversi capoluoghi italiani, soprattutto nel Sud. Di seguito l’articolo dell’Osservatorio povertà educativa #Conibambini, a cura di Openpolis e Con i…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK