News

Dove è alto l’abbandono scolastico cresce la disoccupazione giovanile

L’abbandono scolastico complica per i giovani la ricerca di un lavoro e aumenta il rischio di disagio sociale ed economico, soprattutto al Sud. Condizioni che spesso sono proprio le stesse all’origine del fenomeno. È quanto emerge dal report settimanale dell’Osservatorio povertà educativa #Conibambini, a cura di Openpolis e Con i Bambini. Di seguito un estratto del rapporto.

L’abbandono scolastico riguarda i giovani che lasciano precocemente il proprio percorso di studi, con la sola licenza media. Un fenomeno che colpisce in particolare i ragazzi e le ragazze che provengono da contesti sociali difficili e da famiglie svantaggiate.

In questi casi, il costo economico per far proseguire i figli nel percorso di studi può risultare troppo elevato e portare i giovani a lasciare la scuola. Spesso con lo scopo di cercare un lavoro e contribuire al sostentamento della famiglia.

Uscire dal percorso di studio prima del tempo può ostacolare la ricerca di un’occupazione. E chi riesce comunque ad ottenere un impiego, spesso si trova in situazioni precarie, con uno stipendio insufficiente e scarse garanzie. Situazioni occupazionali instabili, che nel corso del tempo aumentano il rischio di ricadere nel disagio economico e nell’esclusione sociale, quelle stesse condizioni che hanno contribuito in origine a causare l’abbandono.

Nonostante gli abbandoni siano diminuiti nel corso degli anni, il nostro Paese rimane ad oggi uno dei più colpiti in Europa da questo fenomeno. Sono il 14,5% i giovani tra i 18-24 anni che in Italia nel 2018 risultano avere solo la licenza media. Una media nazionale che nasconde in realtà dati ampiamente diversi da nord a sud.

Oltre il 20% di abbandoni scolastici in Sardegna, Sicilia e Calabria
Quota di giovani 18-24 anni che abbandonano prematuramente gli studi, per regione (2018)

Nelle grandi regioni del Sud l'abbandono scolastico è più frequente che nel resto del Paese. La Sardegna registra la quota più elevata (23%), seguita da Sicilia (22%) e Calabria (20%). Tra la regioni del Nord, invece, solo la Valle d'Aosta superare la media nazionale del 14,5%.

Per verificare la relazione descritta in precedenza tra abbandono e ricerca del lavoro, sarebbe necessario considerare il tasso di occupazione dei giovani tra i 18-24 anni con la sola licenza media. In mancanza di queste informazioni, vediamo la percentuale di occupati tra i residenti di 15-24 anni. Un indicatore che è comunque utile a inquadrare delle possibili ricorrenze.

I giovani occupati sono di meno nelle regioni del Sud
Percentuale di occupati tra i 15-24 anni nelle regioni italiane (2018)

Rispetto alla media nazionale del 17,7% di giovani occupati, le regioni del Centro e del Nord registrano dati superiori. Al primo posto il Trentino Alto Adige (31,1%), seguito da Emilia Romagna (23,7%) e Lombardia (23,2%). Al lato opposto della classifica tutti i territori del Sud, con Calabria (12,1%), Campania (10,5%) e Sicilia (10%) agli ultimi posti.

Queste tre regioni sono tra quelle che hanno sia i più alti tassi di abbandono, sia i più bassi livelli di occupazione giovanile. Un risultato che conferma, in una certa misura, la ricorrenza tra uscita precoce dagli studi e difficoltà nella ricerca di un impiego.

Su conibambini.openpolis.it è possibile approfondire l’argomento a livello provinciale e comunale, con grafici su tutte le province italiane e un approfondimento sulla città metropolitana di Catania, seconda in Italia per abbandoni (25,2%) e tra le ultime per tasso di occupazione giovanile (9,7%). 

L’Osservatorio #Conibambini, realizzato da Con i Bambini e Openpolis nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, fornisce dati e contenuti sul fenomeno in Italia nella modalità di data journalism, in formato aperto e sistematizzati, per stimolare un'informazione basata sui dati. L’obiettivo è promuovere un dibattito informato sulla condizione dei minori in Italia, a partire dalle opportunità educative, culturali e sociali offerte, ed aiutare il decisore attraverso l'elaborazione di analisi e approfondimenti originali.

L’elenco dei report in formato pdf è disponibile su Osservatorio povertà educativa #Conibambini.

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

Le opportunità educative dipendono anche dall’accessibilità delle scuole

Quando parliamo di opportunità educative, sono molti gli aspetti che vengono considerati prioritari per garantire un’equa possibilità di accesso all’istruzione. In primo luogo, il contrasto delle disuguaglianze economico-sociali, dal momento che il rendimento scolastico e la stessa scelta del percorso di studi tendono spesso a riprodurre la condizione di partenza. L’abbattimento degli stereotipi di genere…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito