Immagine Resto a casa ma imparo ugualmente: esperienze di apprendimento a distanza
Foto su Shutterstock.com

Resto a casa ma imparo ugualmente: esperienze di apprendimento a distanza

20 Marzo 2020

Emergenza coronavirus: Con i Bambini ha assicurato ai 355 progetti in corso – che coinvolgono 6.600 organizzazioni e oltre 480.000 minori – la possibilità di attivare sistemi di apprendimento a distanza nelle scuole che ne sono sprovviste.

Attivata anche una pagina web dedicata al racconto delle iniziative di apprendimento a distanza che man mano vengono avviate sul territorio, per non disperdere le buone pratiche messe in atto e per condividere modelli ed esperienze.

“Resto a casa ma imparo ugualmente”. Con questo messaggio e auspicio, Con i Bambini per far fronte all’emergenza determinata dalla diffusione del coronavirus e nel rispetto delle indicazioni previste dall’ultimo Decreto del governo, invita le 6.600 organizzazioni tra mondo della scuola, Terzo settore, istituzioni, privati coinvolti dai 355 progetti selezionati nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile a continuare a supportare, per quanto possibile, le comunità, le scuole, le famiglie e i minori che vivono particolari situazioni di fragilità. In particolare l’invito è ad attivare sistemi di apprendimento a distanza nelle scuole che ne sono sprovviste, ma anche a raccontare e condividere modelli ed esperienze di buone pratiche. Per questo motivo, ha attivato una nuova sezione del portale percorsiconibambini.it, il network dei progetti, dedicata alle esperienze di apprendimento a distanza. La sezione è visibile al seguente link, con la possibilità di ricercare le esperienze anche a livello territoriale.
www.percorsiconibambini.it/apprendimento-a-distanza/

In queste ore i progetti hanno iniziato a condividere sul portale le prime azioni e attività messe in campo. Per i più piccoli, ad esempio, sono state attivate video favole e video laboratori (psicomotricità, musica, creatività digitale, ecc); tutorial per i genitori e bambini (cucina, creatività, anche tutorial per creare e spedire cartoline per i 100 anni di Gianni Rodari); video incontri tra mamme. Spazio anche alle iniziative di apprendimento a distanza per i ragazzi: esperienze di didattica musicale a distanza; laboratori virtuali rivolti agli adolescenti e alle loro famiglie; corsi ed esercitazioni online per gli studenti; colloqui individualizzati a distanza per dare continuità alle attività di sostegno educativo e psicologico, ecc.

La pagina web dedicata alle esperienze di apprendimento a distanza è stata pubblicata ieri e sarà implementata nei prossimi giorni con la condivisione degli interventi che saranno man mano avviati dai progetti.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Roma, 31 maggio. “La povertà educativa minorile in Italia: i giornalisti parte integrante della comunità educante”

Si discuterà della complessità e delle difficoltà che incontra il giornalista nel suo approccio alla povertà economica ed educativa.

Leggi tutto
Foto di Allie Milot su Unsplash

Iniziative in cofinanziamento

Dieci milioni di euro per avviare iniziative in cofinanziamento con enti erogatori privati. Le idee progettuali potranno riguardare sperimentazioni relative al tema del contrasto della povertà educativa minorile.

Leggi tutto
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK