Processi ai minori. Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza

3 Gennaio 2019

“Il coinvolgimento in un reato, o comunque in fatti penalmente rilevanti, di una persona minorenne è quasi sempre espressione di un conflitto: con l’altro, con la società, non di rado con se stessi. Il reato può essere l’apice di una vicenda conflittuale che si protrae nel tempo, sfociando in un atto lesivo dei diritti altrui, oppure può prescindere da una conoscenza pregressa tra le persone coinvolte, costituendo non l’effetto bensì l’origine, la causa scatenante di un conflitto. Autori e vittime minorenni si trovano così, loro malgrado, a condividere un’esperienza che non si conclude con il fatto-reato, ma anzi ha conseguenze sulle loro vite che perdurano anche a lungo nel tempo”. Questa è solo una parte di quanto previsto dal documento realizzato dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza “La mediazione penale e altri percorsi di giustizia riparativa nel procedimento penale minorile”, uno strumento di analisi e proposta sul tema dei minori e dei processi penali.

Di seguito il pdf completo

Mediazione Penale Documento di studio e di proposta

Altre notizie che potrebbero interessarti

Pochi musei per minori nelle aree svantaggiate, soprattutto al Sud

I musei per i minori diminuiscono proprio nei territori dove l’accesso alle opportunità educative è più limitato. A Napoli, Caltanissetta e Taranto ci sono meno di 2 musei ogni 10.000 minori. Tutti i dati nel report settimanale dell’Osservatorio #Conibambini

Leggi tutto

Pochi servizi scolastici nei contesti più svantaggiati, soprattutto al Sud

A Napoli e Trapani le scuole raggiungibili con mezzi pubblici sono poco più della metà, inoltre solo il 5% delle scuole ha la mensa. Nelle province calabresi meno di una scuola su 4 ha la palestra. Tutti i dati nel report settimanale dell’Osservatorio #Conibambini

Leggi tutto
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK