News

Bando “A braccia aperte”: call per enti valutazione di impatto

Nell’ambito del bando “A braccia aperte” pubblicato il 15 aprile 2020 da Con i Bambini, finalizzato a  promuovere interventi di presa in carico, formazione e inclusione socio-lavorativa dei minori divenuti orfani a seguito di crimini domestici, è previsto il coinvolgimento di un ente di ricerca che conduca la valutazione di impatto delle iniziative sostenute. Compito dell’ente sarà produrre una valutazione dell’efficacia delle azioni realizzate, sia nei termini di cambiamenti osservati nei beneficiari diretti (minori e famiglie), sia nelle trasformazioni avvenute nei contesti di intervento (sistemi e comunità coinvolte), anche al fine di promuovere l’individuazione di buone pratiche. L’ente, inoltre, avrà il compito di definire il disegno di ricerca sia delle singole iniziative sostenute sia degli interventi nel loro insieme, proponendo un set di indicatori predefinito ed omogeneo per tutti i progetti candidati e coerente con le finalità generali del bando.

La partecipazione non è ammessa agli enti che attualmente ricoprano il medesimo ruolo in altri bandi[1].

Gli enti di ricerca, appartenenti a dipartimenti universitari, enti e istituti di ricerca, pubblici o privati, specializzati nelle discipline sociali, economiche e statistiche, sono invitati ad inviare una manifestazione di interesse entro le ore 13:00 del 16 dicembre 2020.

Nel processo di selezione dell’ente valutatore, che coinvolgerà attivamente anche i soggetti proponenti delle iniziative sostenute nell’ambito del bando, saranno presi in considerazione:

  1. l’esperienza nella valutazione di impatto in ambito socio educativo e, in particolare, relativa alla tematica del bando;
  2. la qualità della proposta di ‘disegno di valutazione’ degli impatti generati (rilevati in itinere e a due anni dalla conclusione dei progetti finanziati) dalle singole iniziative sostenute e dagli interventi nel loro insieme.

La manifestazione di interesse dovrà pervenire, a mezzo e-mail, all’indirizzo affarigenerali@conibambini.org, con oggetto: “Candidatura enti valutatori – Bando A Braccia aperte”, allegando:

  1. una descrizione delle precedenti esperienze dell’ente nel campo della valutazione d’impatto in ambito socio educativo (massimo 3 pagine);
  2. il cv (massimo 3 pagine ciascuno) di massimo 5 componenti del gruppo di ricerca, specificando il nominativo del responsabile scientifico;
  3. un’ipotesi di disegno di valutazione di impatto (max 5 pagine), con indicazione delle metodologie che si intende applicare, elaborato sulla base delle caratteristiche progettuali richieste dal bando;
  4. (solo per gli enti di ricerca privati) il proprio statuto e gli ultimi due bilanci approvati.

Nella prima fase di selezione sarà individuata una lista ristretta di enti idonei che saranno contattati per partecipare alla successiva fase di selezione, che coinvolgerà anche i partenariati impegnati nella progettazione esecutiva degli interventi. Saranno, in questa successiva fase, elaborati gli elementi sulla base dei quali si giungerà alla selezione definitiva dell’ente responsabile della valutazione d’impatto. L’ente prescelto entrerà a far parte dei partenariati di progetto.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’ufficio Attività Istituzionali al numero 06/40410100 (interno 1).

[1] Si fa riferimento unicamente alla modalità di pre-selezione dell’ente “unico” di valutazione per il bando. Non costituisce causa di non ammissibilità lo svolgimento di attività di valutazione nell’ambito di singoli progetti finanziati da Con i Bambini.

Giovedì 24 giugno si terrà una riunione online con i referenti di comunicazione dei 500 progetti sostenuti da Fondazione CON IL SUD e Con i Bambini per presentare il video magazine “CON”.

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

I minori stranieri in Italia: la sfida dell’inclusione

In Italia vivono oltre un milione di bambini e ragazzi di origine straniera. Come i coetanei, frequentano le stesse scuole, condividono le stesse speranze e preoccupazioni, parlano la stessa lingua, eppure agli occhi della legge non hanno ancora lo stesso status giuridico. La scuola e l’intera comunità educante svolgono un ruolo fondamentale nel percorso di…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK