News

Bando “Un passo avanti”: presentate 1131 idee

Foto di Oliver Cole su Unsplash
Foto di Oliver Cole su Unsplash

Alla scadenza del 14 dicembre, sono 1131 le idee pervenute in risposta al quarto bando “Un passo avanti. Idee innovative per il contrasto alla povertà educativa minorile”. Le proposte sono pervenute da diverse regioni italiane: 2% Abruzzo; 2% Marche; 1% Molise; 2% Umbria; 2% Basilicata; 4% Calabria; 12% Campania; 3% Emilia-Romagna; 1% Friuli-Venezia Giulia; 1% Trentino-Alto Adige; 6% Veneto; 9% Lazio; 1% Liguria; 4% Sardegna; 6% Lombardia; 4% Piemonte; 9% Puglia; 10% Sicilia; 4% Toscana. Le idee per progetti multiregionali, invece, sono il 17%. Al quarto bando di Con i Bambini è stato destinato un massimo di 70 milioni di euro, 35 milioni di euro per la Graduatoria A (regionali) e 35 milioni di euro per la Graduatoria B (multiregionali). I progetti della Graduatoria A potranno richiedere un contributo compreso tra i 250 mila e 1 milione di euro, mentre per quelli della Graduatoria B il contributo richiesto potrà variare da 1 a 3 milioni di euro. In seconda fase sarà richiesto al partenariato di contribuire alla copertura dei costi di progetto con una quota minima di cofinanziamento finanziario pari al 10% per la Graduatoria A e 15% per la Graduatoria B del costo complessivo del progetto. Si avvia adesso la fase di selezione delle idee da ammettere alla progettazione esecutiva. Si prevede che questa fase si concluderà entro il prossimo mese di marzo.

Con i Bambini esprime soddisfazione per il perfetto funzionamento della piattaforma informatica, mentre stigmatizza il persistere della cattiva abitudine da parte dei proponenti di presentare le domande a poche ore dalla scadenza del bando. (Circa 900 domande nelle ultime 12 ore).

Il rapporto dell’Osservatorio #conibambini sarà presentato online il 13 luglio alle 10.30. L’evento è promosso da Acri, Fondazione Puglia, Fondazione Monti Uniti di Foggia e Con i Bambini.

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

Troppe famiglie con figli non possono permettersi le vacanze

Dopo quanto successo nell’ultimo anno, le vacanze assumono un’importanza ancora maggiore per bambini e famiglie. Eppure già i dati precedenti l’emergenza mostravano come la metà dei nuclei numerosi e di quelli con un solo genitore non potessero permettersele. Di seguito l’articolo dell’Osservatorio #conibambini, a cura di Con i Bambini e Openpolis. Come ogni anno, l’estate…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK