Immagine Relazione Autorità Garante: nessun riferimento al Fondo

Relazione Autorità Garante: nessun riferimento al Fondo

21 Giugno 2019

Il consiglio di amministrazione di Con i Bambini, soggetto attuatore degli interventi del Fondo per il contrasto della povertà minorile, istituito con la legge di bilancio 2016 e rinnovato con la legge di bilancio 2019, nella seduta del 20 giugno 2019 ha preso in esame il Rapporto al Parlamento presentato il 19 giugno dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza.

La presentazione del rapporto 2018 ha costituito un’importante occasione di richiamo alle responsabilità delle istituzioni, delle forze politiche e sociali e dell’opinione pubblica su uno dei problemi più rilevanti per superare le diseguaglianze che si manifestano tra i minori e per lo sviluppo del nostro Paese. Occasione tanto più importante per la significativa presenza del Capo dello Stato e del Presidente della Camera dei Deputati che ha ospitato la presentazione del Rapporto.

Il consiglio di amministrazione ha tuttavia espresso all’unanimità sorpresa e disappunto per la mancanza di qualsiasi riferimento, nell’intervento della Garante e nel testo del Rapporto predisposto, all’esperienza del Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile, promosso dalle Fondazioni di origine bancaria e dal Terzo settore e sostenuto dai Governi in carica dal 2016 ad oggi, che rappresenta una consistente ed innovativa esperienza: dal punto di vista quantitativo (ad oggi sostenuti 270 progetti, quasi tutti avviati, che vedono impegnati oltre 6.400 organizzazioni fra soggetti di Terzo settore, istituti scolastici, amministrazioni pubbliche e che coinvolgeranno, a regime, oltre 400 mila minori), ma anche dal punto di vista qualitativo, con la concreta sperimentazione di processi che rafforzano le comunità educanti, che intrecciano la responsabilità e le competenze delle strutture pubbliche e del privato sociale, che affermano una modalità innovativa di verifica dell’impatto.

Un processo che, tra l’altro, sta provocando una ripresa di attenzione sul tema in tutto il Paese ed animando nei territori un vasto dibattito culturale e politico. Nelle 285 pagine del rapporto che danno conto, in diverse sezioni ed in modo molto articolato, di numerose iniziative assunte da diversi soggetti, non c’è traccia di questo lavoro e neppure il riferimento alla norma (comma 250-bis della summenzionata legge di bilancio 2018) che proroga per un triennio il meccanismo di cofinanziamento e quindi gli interventi del Fondo.

 

 

 

Altre notizie che potrebbero interessarti

Adolescenza 11-17 anni

Il Bando nazionale, rivolto alle organizzazioni del Terzo Settore e al mondo della scuola, si propone di promuovere e stimolare […]

Leggi tutto

La povertà educativa minorile

La condizione di povertà di un minore è multidimensionale, frutto del contesto economico, sanitario, familiare e abitativo, della disponibilità o […]

Leggi tutto
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK