Osservatorio

Minori stranieri più che raddoppiati al Sud in otto anni

Tag: Demografia

In Italia i minori stranieri sono aumentati negli ultimi anni, in particolare nei territori del sud. Questo richiama l’importanza di politiche di inclusione che garantiscano a tutti i bambini e ragazzi le stesse opportunità, a prescindere dalla loro cittadinanza. È quanto emerge dal report settimanale dell’Osservatorio povertà educativa #Conibambini, a cura di Openpolis e Con i Bambini. Di seguito un estratto del rapporto.

Il nostro Paese sta vivendo un grave calo della popolazione minorile. Negli ultimi sette anni, i residenti 0-17 sono diminuiti del -3,19%, una riduzione significativa di una fascia di popolazione essenziale per la vitalità di un paese.

La variazione nel tempo del numero di bambini e ragazzi stranieri va invece in senso opposto, segnando un ampio aumento (+17,9% l’aumento dei minori stranieri dal 2012 al 2019 in Italia). Questo dipende fortemente dal contributo alla natalità da parte delle donne immigrate in Italia. Uno su 5 i bambini nati da madre straniera nel 2019.

Il nostro Paese e la nostra società stanno diventando dunque sempre più multiculturali. Una tendenza che va colta come opportunità di scambio e di confronto e favorita attraverso processi di integrazione che valorizzino le diversità e ne favoriscano l’inclusione.

Per capire come avviare questi processi, è utile prima individuare le aree del paese che negli ultimi anni hanno registrato un forte aumento dei minori di cittadinanza straniera. Di modo da elaborare politiche e misure per l’inclusione, che si adattino alle specificità dei territori.

Quanto sono aumentati i minori stranieri da nord a sud

Nel 2019 i residenti 0-17 di cittadinanza non italiana rappresentano oltre il 10% della popolazione minorile in tutte le regioni del centro e del nord del Paese. Al sud invece le percentuali sono più basse, anche al di sotto del 5% in alcuni territori. Per esempio, sono il 4% i minori stranieri sul totale dei residenti 0-17 in Campania, nel 2019.

Considerando invece l’andamento negli anni del numero di bambini e ragazzi stranieri, senza rapportarli al totale della popolazione minorile, la crescita maggiore si registra nel Mezzogiorno. Questo anche perché si tratta di territori dove i minori di cittadinanza non italiana erano molto meno che nel resto del Paese.

I minori stranieri sono più che raddoppiati nelle grandi regioni del Sud
Variazione percentuale dei minori stranieri nelle regioni italiane (2012-2019)

Campania, Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia presentano livelli di crescita oltre il 50% dal 2012 al 2019. Percentuali alte anche negli altri territori del sud, mentre nel centro e nel nord si registrano crescite più limitate, fatta eccezione per il Lazio (+53,3%). Veneto, Umbria, Marche e Valle d'Aosta sono le uniche regioni dove i residenti 0-17 di cittadinanza non italiana sono diminuiti nel corso degli ultimi sette anni. Una tendenza che si conferma a livello provinciale.

Su conibambini.openpolis.it è possibile approfondire l’argomento con grafici che riguardano la presenza di minori stranieri a livello provinciale e comunale, con un focus sulla città metropolitana di Napoli, che ha registrato l’aumento più ampio (+82,96%), e la provincia di Vicenza, che invece ha registrato il calo più ampio (-22,70%).

L’Osservatorio #Conibambini, realizzato da Con i Bambini e Openpolis nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, fornisce dati e contenuti sul fenomeno in Italia nella modalità di data journalism, in formato aperto e sistematizzati, per stimolare un'informazione basata sui dati. L’obiettivo è promuovere un dibattito informato sulla condizione dei minori in Italia, a partire dalle opportunità educative, culturali e sociali offerte, ed aiutare il decisore attraverso l'elaborazione di analisi e approfondimenti originali.

Il report completo è disponibile in pdf: 

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

Il ruolo centrale degli insegnanti nella comunità educante

Gli insegnanti rappresentano una delle figure più importanti nel percorso di crescita dei giovani. Insieme alla famiglia, sono tra gli adulti che trascorrono più tempo con ragazzi e ragazze e che quindi incidono maggiormente sulla loro formazione. Un ruolo cruciale, da non sottovalutare. Insegnanti appassionati e motivati possono coltivare la curiosità degli studenti, far fiorire interessi, dare concretezza a…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK