Osservatorio

Asili nido: Italia ancora lontana dagli obiettivi europei

Tag: Asili nido

L’Italia è ancora lontana dagli obiettivi europei in tema di offerta educativa per la prima infanzia. Attualmente il servizio è erogato quasi a metà da strutture pubbliche e da strutture private, con profonde differenze sul territorio nazionale. È quanto emerge dal report dell’Osservatorio povertà educativa #Conibambini, a cura di Openpolis e Con i Bambini. Di seguito un estratto del rapporto.

I servizi educativi per la prima infanzia (asili nido, nidi domiciliari, centri genitori-figli, spazi gioco) rappresentano un’opportunità educativa fondamentale per i bambini nei primi anni di vita. Questi centri infatti offrono un ambiente stimolante, dove relazionarsi con i coetanei attraverso giochi e attività. Questo da un lato contribuisce a sviluppare la creatività e la personalità, dall’altro riduce le disuguaglianze legate al contesto sociale, economico e culturale di origine.

Inoltre, l’ingresso precoce nel percorso educativo incide in maniera significativa sul futuro rendimento scolastico. Questo elemento è ritenuto talmente importante che l’Unione europea lo ha inserito tra i suoi Pilastri dei diritti sociali. È nei primi anni di vita che i bambini gettano le basi dello sviluppo successivo, ed è da lì che bisogna partire per non creare divari educativi. In particolare se la frequenza del nido è condizionata dal reddito dei genitori.

Nonostante questo, l’Italia è ancora lontana dagli obiettivi Ue. A fronte di uno standard europeo stabilito in 33 posti in asilo nido ogni 100 bambini, il nostro paese, nonostante un miglioramento registrato negli ultimi anni, si ferma infatti a 24,7. Un divario superiore agli 8 punti percentuali. Per colmare questo gap occorre incrementare il livello dell’offerta.

Il rapporto tra asili pubblici e privati in Italia

A livello nazionale, è il pubblico ad offrire il numero più elevato di posti. Quest’ultimo ne garantisce infatti 181.526 (il 51,2%) a fronte dei 173.115 (48,8%) messi a disposizione dai privati.

354.641 il numero di posti totali nei servizi educativi per la prima infanzia disponibili in Italia (2017)

Analizzando i dati a livello regionale, notiamo che solo quattro regioni italiane riescono a superare l’obiettivo europeo di 33 posti ogni 100 bambini. Sono la Valle d’Aosta (47,1%), l’Umbria (41,1%), l’Emilia Romagna (38,1%) e la Toscana (35%). Agli ultimi posti invece Calabria (10,1%), Sicilia (9,8%) e Campania (8,6%).

Posti in asilo nido, solo 4 regioni superano gli obiettivi Ue
Posti per 100 residenti 0-2 nei servizi educativi per l’infanzia pubblici e privati a livello regionale (2017)

Da notare che i risultati migliori si raggiungono dove l’offerta pubblica è più elevata. La Valle d’Aosta infatti è anche la regione con la più alta percentuale di copertura di posti pubblici (29,1%). Seguono Emilia Romagna (27,3%), Toscana (19,9%), Umbria (18,6%) e Trentino Alto Adige (17,8%). Delle prime 5 regioni italiane per livello di copertura, l’Umbria è l’unica con una maggioranza di offerta privata (22,5%).

3 su 4 regioni che superano il 33% hanno un’offerta prevalentemente pubblica. Allo stesso tempo, nessuna arriva al 33% senza offerta privata.

A livello provinciale, in generale, diverse province del centro-nord si caratterizzano per un elevato livello di copertura e per un’alta percentuale di posti pubblici. Al sud, invece, abbiamo generalmente livelli di offerta inferiori con alcuni casi in cui a prevalere è il privato, mentre in altri il pubblico.

Su conibambini.openpolis.it è possibile approfondire l’argomento con ulteriori grafici e mappe che analizzano i dati a livello provinciale, più due focus su Milano e Vibo Valentia, rispettivamente la provincia italiana con la maggiore offerta di asili nido e l’ultima tra le province calabresi per livello di copertura. Qui la maggioranza dei comuni è sprovvista di servizi educativi per la prima infanzia.

L’Osservatorio #Conibambini, realizzato da Con i Bambini e Openpolis nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, fornisce dati e contenuti sul fenomeno in Italia nella modalità di data journalism, in formato aperto e sistematizzati, per stimolare un’informazione basata sui dati. L’obiettivo è promuovere un dibattito informato sulla condizione dei minori in Italia, a partire dalle opportunità educative, culturali e sociali offerte, ed aiutare il decisore attraverso l’elaborazione di analisi e approfondimenti originali.

Il report completo è disponibile in pdf:

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

Il ruolo centrale degli insegnanti nella comunità educante

Gli insegnanti rappresentano una delle figure più importanti nel percorso di crescita dei giovani. Insieme alla famiglia, sono tra gli adulti che trascorrono più tempo con ragazzi e ragazze e che quindi incidono maggiormente sulla loro formazione. Un ruolo cruciale, da non sottovalutare. Insegnanti appassionati e motivati possono coltivare la curiosità degli studenti, far fiorire interessi, dare concretezza a…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK