Agenda

Online – 28 settembre – Iniziativa di presentazione del progetto SottoSopra

Con l’iniziativa di presentazione online che si terrà martedì 28 settembre alle ore 10, muove i primi passi SottoSopra, un progetto che si rivolge alla protezione e alla cura di bambini e adolescenti vittime di violenze e abusi, alla sensibilizzazione sul tema del maltrattamento dei minori e alla sua prevenzione.

Il progetto, di durata triennale e unico finanziato in Basilicata, è stato elaborato da un partenariato pubblico-privato che ha per capofila la cooperativa sociale Progetto Popolare e, insieme alle cooperative EthosLilith e Vertigo, all’Istituto italiano di valutazione e all’associazione Defence for Children Italia, comprende la Regione Basilicata, i comuni capoluogo Potenza e Matera, l’Ufficio scolastico regionale quali partner istituzionali.

SottoSopra propone interventi specifici personalizzati per i minori a rischio o già vittime di maltrattamento e per le loro famiglie, oltre ad attività a carattere multidimensionale per contrastare la violenza sui più piccoli, attraverso la configurazione di una rete che dalle istituzioni, dai servizi già presenti e dal privato sociale si estende alla scuola, all’associazionismo e a tutta la società civile.

Uno degli obiettivi generali del progetto è la creazione di un Servizio specialistico di valutazione, supporto e programmazione composto da un’equipe (assistente sociale, psicoterapeuta e pedagogista) e da nove antenne, opportunamente formate, operanti in ciascuno degli ambiti socio territoriali della regione. L’antenna, in collaborazione con i servizi sociali e/o sanitari presenti, intercetta le situazioni a rischio e, dopo la valutazione dell’equipe, concorre alla realizzazione degli interventi programmati.

> Il link per partecipare (piattaforma Zoom) <

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

Violenza contro le donne aumentata durante la pandemia

Nel periodo pandemico, e in particolare durante le chiusure, si è registrato un picco delle violenze contro le donne in ambito familiare. Una crescita testimoniata dalle chiamate al 1522, dai contatti ai centri antiviolenza e dai dati dei pronto soccorso. Quando presenti, ne sono vittima anche i bambini, costretti ad assistere alle violenze, se non a subirle…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK