Agenda

Napoli – 18 marzo – Evento conclusivo del progetto “Perifelicittà”

A tre anni dall’inizio delle attività programmate, PeriFeliCittà, progetto di contrasto alla povertà educativa selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, giunge alla sua conclusione.

Il progetto, coordinato dalla cooperativa sociale Bambù e articolato da una vasta rete di partenariato, si è sviluppato su tre poli territoriali: area nord di Napoli (Scampia, San Pietro a Patierno e Casoria), area est di Napoli (San Giovanni a Teduccio, Portici, San Giorgio a Cremano), provincia a nord di Salerno (Vietri e Cava de’ Tirreni).

Tante le azioni portate a termine dal ricco network territoriale che ha unito enti del terzo settore, scuole, università, pubbliche amministrazioni e il mondo cooperativo, in un contesto temporale segnato dalle difficoltà dell’emergenza pandemica. Gran parte delle azioni previste sono state rimodulate o addirittura reinventate, con l’obiettivo di difendere il desiderio di conoscenza dei minori, accompagnandoli nella transizione digitale della nuova scuola online o nel rientro dopo le prime restrizioni, e cercando di non acuire disuguaglianze sociali, frutto di un processo che la pandemia ha inevitabilmente accelerato.

Nonostante le complessità del triennio, tutti gli attori coinvolti hanno unito ancor di più le forze per garantire ai destinatari il sostegno della loro crescita individuale e il potenziamento del loro patrimonio culturale.

L’evento di chiusura del progetto PeriFeliCittà si terrà venerdì 18 marzo presso NEST Napoli Est Teatro in via Bernardino Martinaro 14, dalle ore 9.30 alle ore 12.30.

Sarà presente Simona Rotondi per l’impresa sociale Con i Bambini.

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

Le opportunità educative dipendono anche dall’accessibilità delle scuole

Quando parliamo di opportunità educative, sono molti gli aspetti che vengono considerati prioritari per garantire un’equa possibilità di accesso all’istruzione. In primo luogo, il contrasto delle disuguaglianze economico-sociali, dal momento che il rendimento scolastico e la stessa scelta del percorso di studi tendono spesso a riprodurre la condizione di partenza. L’abbattimento degli stereotipi di genere…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito