Agenda

Napoli – 14 luglio – Iniziativa “Real Albergo dei Poveri – Ieri, oggi e domani”

Nel cortile interno del Real Albergo dei Poveri, col patrocinio del Comune di Napoli, alla presenza, tra gli altri del Prefetto, del Sindaco, del Procuratore della Repubblica per i minorenni, dell’Arcivescovo, il Kodokan Napoli organizza Real Albergo dei Poveri – Ieri, oggi e domani, serata all’insegna della memoria, dell’identità cittadina e della Storia dedicata al monumentale palazzo napoletano che Carlo e Maria Amalia di Borbone pensarono, alla metà del Settecento, per offrire ricovero ai derelitti, ai vagabondi e agli ultimi della capitale del Regno.

La struttura, progettata dall’architetto toscano Ferdinando Fuga e dai suoi collaboratori napoletani, gli architetti Tagliacozzi Canale e Pollio ha costituito, per secoli, il luogo della reclusione ma allo stesso tempo della formazione di migliaia di giovani ragazze e ragazzi cui venne data una seconda occasione. Non solo Albergo dei Poveri, Reclusorio e poi Serraglio ma anche contenitore con Scuole di formazione professionale e Botteghe artigianali di avviamento al lavoro. Un luogo in cui si insegnò tanto il “ricamo con filo d’oro” quanto l’arte della fusione dei metalli e della lavorazione del ferro e del legno, dell’incisione, del corallo, della musica e del canto.

Il cortile dell’Albergo ospiterà un percorso sensoriale rappresentato dalle fotografie di Giancarlo De Luca e da un’installazione artistica di Sight 1, uno Spin off di docenti e artisti dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, che ha curato anche la scenografia del palco per la serata; interverranno, nel percorso della narrazione storica curata da Mena Nocera e Gianluca Punzo, l’Arch. Francesca Brancaccio, il fotografo Giancarlo De Luca, e, con proposte per il futuro del Real Albergo dei Poveri, il presidente di «Con i Bambini» Marco Rossi-Doria e l’Assessore all’urbanistica professoressa Laura Lieto.

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

L’aumento della partecipazione giovanile in Italia

La pandemia ha posto un limite oggettivo alla possibilità di incontrarsi, confrontarsi e partecipare. E con esso, anche alle attività della comunità educante e dei più giovani. Un limite che solo in parte poteva essere compensato grazie all’intervento delle nuove tecnologie. La partecipazione dei più giovani si è scontrata con i limiti posti dalla pandemia. Tuttavia,…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK