Agenda

Montalto Uffugo (CS) – 15 settembre – Focus group “Responsabilità sociale nelle imprese. Pura propaganda o serio impegno civico?”

Responsabilità sociale nelle imprese. Pura propaganda o serio impegno civico? È questo il fulcro del focus group organizzato da ResponsabItaly e cooperativa sociale Don Bosco nell’ambito del progetto Edu-factoring che si svolgerà mercoledì 15 settembre, dalle 11 alle 17, a Villa Santa Caterina di Montalto Uffugo (CS).

Interverrà Francesco Varanini, presidente di Assoetica, associazione di promozione sociale il cui obiettivo è l’agire a partire dall’assunzione di responsabilità, personali e collettive. Assoetica si prefigge, dunque, la promozione dell’assunzione di responsabilità da parte di ogni cittadino. L’associazione è impegnata, altresì, a sostenere, in ogni sede, il principio che l’etica è una caratteristica distintiva degli esseri umani.

L’attività ha lo scopo di sensibilizzare il mondo profit e le imprese alla marginalità sociale, con particolare riferimento alle pari opportunità di crescita che spettano a tutti i bambini e le bambine.  L’iniziativa avrà come meta finale l’adozione di un “percorso bambino”. Altro scopo dell’azione è sensibilizzare i partner stessi a collaborare nella realizzazione di un sistema unico di raccolta del cinque per mille.

Il progetto Edu-factoring, infatti, oltre a portare avanti attività pratiche e laboratoriali rivolte ai minori di Cosenza, si prefigge di sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi della solidarietà e della valorizzazione delle comunità educanti presenti sul territorio attraverso incontri, convegni, eventi pubblici. In questo caso si è voluto aprire un canale di confronto con il mondo delle imprese per generare responsabilità sociale e garantire pari accesso all’istruzione, all’educazione e alla cultura a tutti i piccoli abitanti della città.

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

L’aumento della partecipazione giovanile in Italia

La pandemia ha posto un limite oggettivo alla possibilità di incontrarsi, confrontarsi e partecipare. E con esso, anche alle attività della comunità educante e dei più giovani. Un limite che solo in parte poteva essere compensato grazie all’intervento delle nuove tecnologie. La partecipazione dei più giovani si è scontrata con i limiti posti dalla pandemia. Tuttavia,…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK