Agenda

Foggia – 17 giugno – Evento conclusivo di “Rappo dunque sono”

Educare i più piccoli attraverso un linguaggio universale che non conosce frontiere, né razze, né religioni: è questo il vero potere aggregante della musica, è questa l’essenza stessa di RAPPO DUNQUE SONO, l’azione del centro “TUTTO IL BELLO CHE C’È” di FoggiaChildren, il progetto selezionato dall’Impresa Sociale “Con i Bambini” nell’ambito del fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e che vede come Ente capofila l’ARCI provinciale di Foggia.

Imparare a scrivere un brano, “metterlo in musica” e registrarlo. Conoscere il Rap, affrontare tematiche sentite e più che mai attuali come cyberbullismo, dipendenze da web ed impatto Generazione Z.

Proprio sul solco del successo targato 2020 e grazie alla disponibilità delle scuole è partita, lo scorso 29 marzo 2021, un’altra straordinaria avventura con RAPPO DUNQUE SONO che si è letteralmente sdoppiato in due livelli: il primo tenuto con la classe quinta del XI Circolo Didattico della scuola elementare San Ciro di Foggia; il secondo, invece, con i ragazzi di prima media (ex alunni San Ciro), gli stessi protagonisti di “Videolezioni”, una video-produzione musicale uscita l’estate scorsa che raccontava delle difficoltà vissute dai giovani  in periodi di quarantena.

Così “armati” di passione e con tanta voglia di fare, e guidati dagli esperti del settore Remo Amatore, Totò Nasty e K9,  tutti gli alunni, grandi e piccini, di entrambi i laboratori di RAPPO non si sono fatti intimorire dalla DAD e si sono immersi in una esilarante avventura a suon di metriche e di basi, realizzando anche quest’anno, un vero e proprio miracolo: ben due video finali intitolati “L’Amico intelligente” e “Arriva l’estate” che verranno presentati alle famiglie e alla stampa il 17 giugno 2021 alle ore 19, nella splendida cornice dell’anfiteatro di Parcocittà. Seguirà poi un live set con Totò Nasty e K9.

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

Le conseguenze dell’inverno demografico italiano

Prosegue l’inverno demografico del nostro paese. Gli ultimi dati Istat confermano il declino di nascite: le prime stime per il 2022 parlano di 393mila nuovi nati. Circa il 2% in meno dell’anno precedente, in cui si era già registrato il record negativo dall’unità d’Italia. Addirittura quasi un terzo in meno rispetto al 2008, l’anno che ha segnato…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito