Agenda

Bari – Dal 30 novembre al 2 dicembre – Appuntamento “Verso un’infanzia felice!”

Dal - Al

TenerAmente prende forma: il progetto selezionato da Con i Bambini intende costruire una serie coordinata di interventi rivolti a professionisti, comunità e istituzioni per contribuire al miglioramento delle loro capacità di protezione dell’infanzia in un’ottica sistemica di prevenzione, individuazione, identificazione e risposte al maltrattamento infantile, basata sul paradigma della resilienza assistita.

Il progetto si occuperà di potenziare i servizi socio-educativi a sostegno di famiglie con bambini 0-6 anni in condizione di vulnerabilità nelle città di Bari, Catania-Misterbianco, Napoli, Pescara e Bergamo.

I bambini e le loro famiglie potranno accedere a percorsi multisettoriali di accompagnamento integrati e basati sulla prevenzione e valorizzazione delle risorse personali, familiari e ambientali.

Inoltre, Teneramente mira ad informare e diffondere messaggi sulle tematiche del progetto, a sensibilizzare l’opinione pubblica e i target di riferimento e a coinvolgere il territorio attraverso iniziative ed eventi a partecipazione pubblica, portando in tour nei tre anni di progetto la performance teatrale messa ideata insieme ad Antonella Questa,  “Verso un’infanzia felice”.

L’appuntamento è a Bari dal 30 novembre al 2 dicembre con l’iniziativa “Verso un’infanzia felice!” che comprende diversi incontri ospitati dalla Fondazione Giovanni Paolo II onlus.

Si parte il 30 novembre, alle 18, nella sede del Centro Servizi per le Famiglie di Japigia in via Giustina Rocca 9, con la performance teatrale “Infanzia felice”, una fiaba per adulti di e con Antonella Questa, LaQ-Prod.

Lo spettacolo, di cui si terrà una replica l’1dicembre alle 18 nel Centro Multimediale Giovanni Paolo II in via Marche 1, indaga la natura delle relazioni umane, scegliendo come tema l’educazione nell’infanzia.

Osservatorio #conibambini

Report con dati comunali e mappe sul fenomeno della povertà educativa in Italia.

L’aumento della partecipazione giovanile in Italia

La pandemia ha posto un limite oggettivo alla possibilità di incontrarsi, confrontarsi e partecipare. E con esso, anche alle attività della comunità educante e dei più giovani. Un limite che solo in parte poteva essere compensato grazie all’intervento delle nuove tecnologie. La partecipazione dei più giovani si è scontrata con i limiti posti dalla pandemia. Tuttavia,…

Vai all'osservatorio

Percorsi con i bambini

I blog dei progetti

Visita il sito
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK