Immagine #Conibambini- Tutta un’altra storia

#Conibambini- Tutta un’altra storia

29 Novembre 2017

Seconda giornata della manifestazione nazionale #Conibambini- Tutta un’altra storia. L’appuntamento è per il 6 dicembre alle 10 a Reggio Emilia, presso l’aula magna Manodori dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Tema dell’incontro “La città dei bambini, dal nido all’università. Il modello reggiano contro la povertà educativa”.  

La storia emiliana è da sempre un esempio virtuoso di investimento culturale ed economico nei confronti dell’infanzia, intesa come bene di tutti. L’interesse per l’educazione è fortemente radicato nel tessuto sociale ed è di metà Ottocento la prima istituzione per l’infanzia gratuita e rivolta in particolare ai bambini poveri. Pietro Manodori, sindaco e benefattore, aprì infatti a Reggio Emilia un asilo con l’intento di fornire un’istruzione e cure mediche ai minori delle classi meno abbienti. Nello stesso periodo, vengono inaugurate strutture per l’infanzia all’interno di fabbriche e aziende agricole della zona.

Il modello reggiano è oggi conosciuto a livello internazionale come ‘Reggio Emilia Approach’, un approccio pedagogico maturato a partire dagli anni Sessanta del secolo scorso e che ha creato un sistema misto di gestione delle scuole d’infanzia particolarmente innovativo e, per l’epoca, rivoluzionario. Si può quindi, a buon diritto, parlare di Reggio Emilia come ‘la città dei bambini’.

Proprio su questi temi sarà chiamata a confronto l’intera comunità educante del territorio, con interventi di Carlo Borgomeo, presidente dell’impresa sociale Con i Bambini, Gianni Borghi, presidente della Fondazione Manodori, Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia, Giammaria Manghi, presidente della Provincia di Reggio Emilia, Mario Maria Nanni, dirigente dell’ufficio scolastico provinciale, Riccardo Ferretti, prorettore dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Nel corso della giornata interverranno anche i ragazzi, i docenti e le organizzazioni del terzo settore. A presentare i progetti sul territorio saranno Carla Rinaldi per il progetto ‘Farsi comunità educante’ e Paola Cagliari, progetto ‘Modificare il futuro’

La manifestazione nazionale è partita il 27 novembre da Torino e nei prossimi mesi farà tappa a Milano, Napoli, Brindisi, Catania. L’incontro conclusivo sarà la prossima primavera a Roma, dove le storie e le buone pratiche raccolte durante la campagna verranno simbolicamente consegnate alle istituzioni.

Altre notizie che potrebbero interessarti

Bassa mobilità sociale in Italia: il ruolo delle disuguaglianze educative

Secondo i dati Invalsi, gli apprendimenti dei ragazzi che vengono da una famiglia svantaggiata sono sistematicamente più bassi rispetto a quelli dei loro coetanei. Un fenomeno che colpisce soprattutto il Sud. Tutti i dati nel report settimanale dell’Osservatorio #Conibambini

Leggi tutto

Banda larga ultraveloce: Italia in ritardo rispetto agli obiettivi europei

La connessione internet veloce ha un importante valore educativo, non solo per le questioni emerse in seguito al Covid. Nel 2019 le famiglie in Italia raggiunte dalla banda larga ultraveloce erano solo il 36,8%. Ne parliamo nel report settimanale dell’Osservatorio #conibambini

Leggi tutto
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK