Immagine Progettazione partecipata nelle aree terremotate
Foto di EasyWay

Progettazione partecipata nelle aree terremotate

13 novembre 2017

Con i Bambini, in collaborazione con l’Associazione IF–ImparareFare presieduta dal prof. Marco Rossi-Doria, promuove un percorso di progettazione partecipata nelle aree terremotate di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria.

L’obiettivo è avviare un processo di potenziamento educativo fortemente condiviso in quelle aree, da attuarsi nell’ambito del ‘Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile’ e in collaborazione con le Fondazioni di origine bancaria e il Forum Terzo Settore dei territori interessati, facendo leva sulle esperienze maturate nelle comunità locali.

Dopo un lavoro di prima “mappatura” delle azioni di attivazione educativa sorte dopo il sisma o già presenti nelle aree del centro Italia colpite dal terremoto, a fine giugno Con i Bambini ha affidato a IF–ImparareFare il compito di coordinare e accompagnare questo processo partecipativo, capace di coinvolgere tutti gli attori del privato sociale e del volontariato, le scuole, gli enti locali e ogni risorsa educativa dei diversi territori, per costruire le reti dei soggetti attuatori e il sistema delle alleanze educative territoriali.

In questa fase prosegue nei territori coinvolti il lavoro sistematico, coordinato da Rossi-Doria, di ascolto e raccolte di idee, di confronto per la definizione degli strumenti di progettazione, attraverso assemblee, incontri e colloqui con tutte le realtà interessate.

Per ulteriori informazioni è possibile scrivere a info@impararefare.it

Iniziativa in coprogettazione

Altre notizie che potrebbero interessarti

Seminario “La povertà educativa minorile”: gli interventi

Una risposta al fenomeno della povertà educativa: aiutare ogni bambino a raggiungere il suo pieno potenziale attraverso interventi che vedano […]

Leggi tutto

Def, Istat: l’11,9% delle famiglie nel 2016 è in gravi difficoltà

Nonostante il miglioramento delle condizioni economiche delle famiglie, nel 2016 non si è osservata una riduzione dell’indicatore di grave deprivazione […]

Leggi tutto
Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK